News

sostituzione serramenti bonus energetico

Sostituzione serramenti: Bonus Infissi 2020 o Superbonus 110%?

Sostituzione serramenti con bonus? Si ma quale? Bonus Infissi 2020 o Superbonus 110%? Che differenza c’è tra i due tipi di incentivi e quando si può usufruire dell’uno o dell’altro? Facciamo un confronto tra i due tipi.

La sostituzione dei serramenti per migliorare le prestazioni energetiche sono da qualche anno oggetto di bonus. In particolare il Bonus Infissi, detto anche Econus, permette di usufruire di una detrazione fiscale del 50% in dieci anni. Ma con l’introduzione del Superbonus 110% potrebbe essere possibile inserire la sostituzione degli infissi in un più ampio pacchetto: Quindi cosa differenzia i due incentivi? Coges cercherà di spiegarvelo in questo articolo.

Sostituzione serramenti, requisiti base per accedere alle detrazioni

Per quanto riguarda la sostituzione dei serramenti, l’accesso all’incentivo è possibile solo in fase di ristrutturazione in edifici già accatastati. Infatti questi incentivi non valgono per le nuove costruzioni. Questo perché, come spesso spiegato, i lavori servono al miglioramento energetico delle abitazioni in funzione di un minore impatto ambientale, cosa che gli edifici di nuovissima costruzione prevedono già in fase di progettazione. Inoltre i nuovi infissi devono rispettare i valori di trasmittanza previsti  dalla tabella 2 del D.M. 26 gennaio 2010 e certificati da un tecnico abilitato che effettua una perizia.

Per poter usufruire di un incentivo bisogna essere una persona fisica, qualunque la funzione (proprietario, affittuario, convivente, usufruttuario).  Fatta questa premessa, andiamo a vedere come si differenziano i due tipi di bonus.

Sostituzione infissi con bonus: non sai come fare?

Affidati a Coges Divisione Infissi!

Sapremo offrirti la giusta consulenza per ottenere il massimo dai tuoi nuovi infissi e usufruire degli incentivi statali

Incentivi sostituzione infissi, quali differenze?

Gli incentivi sostituzione infissi si possono ottenere o con il Bonus Infissi 2020 o con il Superbonus 110%. Qual è la differenza tra i due? Vediamolo in breve.

Bonus Infissi 2020

Il bonus infissi 2020 prevede una detrazione Irpef del 50% spalmata su un arco temporale di 10 anni. Quindi se io acquisto gli infissi nel 2020 comincerò a ricevere la prima delle 10 quote nel 2021, e le restanti quote ogni anno per i 9 anni successivi. In alternativa, alcuni fornitori consentono di usufruire dello sconto in fattura del 50%.  Tra questi troviamo Schuco che proprio ora ha rinnovato la promozione Ecobonus Schuco che ti consente di acquistare le nuove finestre Schuco  con ben il 50% dello sconto in fattura sulla spesa totale. Approfittane prima che la promozione finisca!

Vieni da Coges Divisione Infissi e acquista le tue nuove finestre Schuco con il 50% di sconto in fattura!

Affrettati! La promo è valida fino al 31 Dicembre 2020!

Con il Bonus Infissi 2020 si possono sostituire

Non rientrano in questo bonus le zanzariere.

Il bonus infissi dà quindi la possibilità ai singoli individui di sostituire i propri serramenti presso le seconde case, o anche presso abitazioni che non sono interessate da altri tipi di ristrutturazioni. Se invece la tua prima casa, unifamiliare o in condominio, si trova ad affrontare una ristrutturazione della facciata o per limitare il rischio sismico, allora la sostituzione dei serramenti possono rientrare nel superbonus previsto dal Decreto rilancio?

Superbonus 110, cosa prevede

Il superbonus 110% in realtà non è che una estensione di alcuni bonus già esistenti in precedenza, nello specifico l’ecobonus e il sismabonus. In questo caso le aliquote di incentivi passano dal 75% e 85% rispettivamente al 110%.  Questo perché il superbonus ha l’obiettivo di rilanciare il settore edilizio e di apportare innovazione a livello energetico e di protezione contro i danni sismici a moltissimi edifici che sul territorio italiano sono stati costruiti prima dell’introduzione delle principali innovazioni in questo senso.

In particolare gli incentivi già esistenti sono stati portati al 110% per  interventi tra cui:

  • efficientamento energetico di condomini o case unifamiliari (cappotto termico, impianti riscaldamento, raffrescamento, acqua sanitaria con caldaie condensazione, caldaie a pompa, fotovoltaico impianti di microgenerazione), purché l’edificio salga di due classi energetiche o raggiunga la massima classe possibile con i lavori attraverso un APE rilasciata da tecnico certificato
  • riduzione del rischio simico

La detrazione in questo caso sarà del 110% in 5 anni e non più in 10. La spesa ammissibile varia a seconda dei casi. Per  cappotti termici abbiamo

50000 € per abitazioni monofamiliari o abitazioni unifamiliari con ingresso indipendente in edifici plurifamiliari (es. villette a schiera, condomini di villette)

40000 € per ogni unità immobiliare in condomini da due a massimo otto unità

30000 € per ogni unità immobiliare per edifici con più di otto unità

Gli interventi dovranno essere effettuati tra il 1 luglio 2020 e il 31 dicembre 2021.

In questo contesto non è previsto direttamente un bonus per gli infissi, ma la sostituzione dei vecchi infissi con nuovi  può comunque essere effettuata anche dal singolo condomino purché il condominio abbia avviato una ristrutturazione che prevede uno degli interventi appena citati. In realtà spesso cambiare gli infissi può servire a fare quel salto di classe energetica indispensabile per ottenere la detrazione del 110%. Per infissi e serramenti (quindi anche avvolgibili, persiane, etc).

La differenza con il precedente incentivo è la possibilità di beneficiare dello sconto in fattura e cessione del credito.

interno con schuco living

Sostituzione serramenti e sconto in fattura infissi e cessione del credito

Lo sconto in fattura infissi  in precedenza poteva essere solo effettuato se il fornitore o il venditore aderivano all’iniziativa.

Oggi invece con il Superbonus 110%,  precisamente per effetto dell’art. art. 121 del Decreto Rilancio  “Trasformazione delle detrazioni fiscali in sconto sul corrispettivo dovuto e in credito d’imposta cedibile”, è possibile ottenere uno sconto pari  al 50% sulla spesa prevista al momento dell’acquisto, o la trasformazione della detrazione in un credito d’imposta che si può cedere a terzi in cambio del corrispettivo liquido, incluse le banche.

Questa possibilità riguarda tutti i tipi di interventi previsti dal Decreto Rilancio, e dunque anche le spese di intervento su infissi e serramenti.

Da Coges Divisione Infissi saremo in grado di fornirti tutte le informazioni per la sostituzione dei serramenti, una consulenza energetica ai fini di un maggiore efficientamento energetico e tutti i chiarimenti per poter accedere agli incentivi previsti dai due bonus che abbiamo appena discusso. Chiama per prenotare la tua consulenza gratuita.