fbpx

News

Infissi e serramenti antieffrazione

Gli infissi e serramenti antieffrazione oggi garantiscono maggiore difesa contro l’avvento dei ladri. Una breve guida per scoprire come difendere la propria abitazione in estate con infissi antiscasso.

Quando la gente è in vacanza entrano in azione i ladri di appartamento. Molto spesso però questi appartamenti non sono dotati di sistemi antieffrazione nei punti finestra o balcone. Con gli infissi e serramenti antieffrazione è possibile proteggere ulteriormente la propria casa.

Infissi e serramenti antieffrazione: un’arma in più contro i ladri

Anche se non al 100% a prova di scasso, gli infissi e serramenti antieffrazione includono una serie di elementi che servono a rendere finestre e balconi meno vulnerabili e quindi a scongiurare l’ingresso dei ladri.

Molti pensano a dotare le proprie abitazioni di porta blindata con serratura europea e sistema di allarme perimetrale per evitare l’accesso a topi di appartamento. Specie chi abita in villa o ai piani bassi adotta come misura di sicurezza le inferriate alle finestre in acciaio.

Ma molti dimenticano che è possibile entrare dalle finestre o dai balconi dotati di vecchi infissi e serramenti poiché i ladri possono rompere il vetro e ruotare la maniglia, scardinare l’anta oppure praticare un’apertura nell’anta e rimuovere la ferramenta di cui è dotata.

Vuoi proteggere la tua casa dai ladri?

Cerchi infissi antieffrazione?

Vieni da Coges, lo specialista in infissi su Cosenza e provincia per scoprire le soluzioni antiscasso più adatte alla tua abitazione.

Infissi e serramenti antieffrazione: come sono fatti

Gli infissi antiscasso e i serramenti antieffrazione sono fatti in modo da non avere punti deboli che possano essere aperti semplicemente e in poco tempo.

Innanzitutto infissi e serramenti antieffrazione sono dotati di nottolini a fungo in acciaio antieffrazione che impediscono l’apertura del serramento. Spesso sono presenti più punti di chiusura con nottoli a rullo su un’anta per garantire maggiore sicurezza.

Inoltre, maggiore è lo spessore dell’anta del serramento, maggiore sarà la protezione che garantisce.

Nel caso in cui un ladro riesca fortunosamente ad aggirare il punto di chiusura, un altro elemento di sicurezza sono le maniglie a pulsante oppure dotate di chiave che rendono impossibile smontare la maniglia.

E se provano a sfondare il vetro? Oggi esistono vetri antieffrazione stratificati. Questi vetri presentano due o più lastre di vetro, inframezzate da un’altra lastra in PVB, polivinilbutirrale. Per essere veramente antieffrazione i vetri devono essere a norma UNI EN 356 dal 1° livello classe P1 all’8° livello classe P8A e rientrare nelle categorie tra P6 e P8.

Infine è possibile montare avvolgibili a motore, persiane blindate o scuri antieffrazione per rendere i punti di accesso ulteriormente sicuri.

Quali sono le classi antieffrazione per scegliere gli infissi antiscasso?

Per determinare quali sono i migliori infissi e serramenti antieffrazione è bene tenere a mente la classificazione di sicurezza stabilita dalla norma europea UNI 1627:2011 in base ad una serie di test sulla resistenza allo scasso. Questa misura su scala crescente il grado di sicurezza rispetto ai tentativi di effrazione. Più è alta la classe più gli infissi sono difficili da scassinare.

Le classi antieffrazione sono sei:

  • RC1: l’effrazione avviene con calci spallate pugni e in poco tempo. Il ladro può non essere esperto.
  • RC2: scasso con piccoli attrezzi (cacciaviti, tenaglie etc.) in pochi minuti (3 circa). Il ladro può non essere esperto.
  • RC3: il ladro usa cacciavite e piede di porco per entrare. Il tentativo richiede almeno 5 minuti.
    RC4: il ladro è esperto ed usa seghe, martelli o altri strumenti da taglio o per battere. Per questo il ladro ha bisogno dai 10 ai 30 minuti.
  • RC5: Il ladro ha bisogno di strumenti elettrici quali trapani, mole flessibili. Per questo il tempo di resistenza va dai 15 ai 40 minuti.
  • RC6: lo scassinatore deve usare strumenti elettrici di grosse dimensioni impiegando dai 20 ai 50 minuti.

Per infissi e serramenti antieffrazione rivolgiti a Coges, lo specialista di infissi e serramenti di Cosenza e provincia che ti saprà consigliare su come proteggere la tua casa da visite indesiderate. Chiama lo 0984941205 per un preventivo o vieni a conoscere i nostri prodotti nello showroom di Acri.